Home · Chi Siamo · Segreteria/Apparato Uilm · Siti Segnalati · C.S.T. UIL Brescia · FaceBook · Sedi Caf Uil sul territorio · Convenzioni Iscritti UIL · Periodico di informazione Uilm 22 Aprile 2019 23:00
Navigazione
Home

Chi Siamo
Segreteria/Apparato Uilm
Dove Siamo

Valore Lavoro
Lavoro Artigiano

Cerca
News
Archivio
Siti Segnalati
Foto
C.S.T. UIL Brescia
Statuto Uilm
FaceBook
MetaSalute
Fondo Cometa
FondApi
Sedi Caf Uil sul territorio
UILwebTV
Convenzioni Iscritti UIL
Periodico di informazione Uilm
E.L.B.A.
FondArtigianato

Utenti Online
Ospiti Online: 1
Nessun Membro Online

Membri Registrati: 3
Ultimo Membro: segreteria
In evidenza
Convegno sulla contrattazione
Comunicati stampaContrattazione di ieri come parametro per la contrattazione odierna nelle aziende, che sono alle prese con la crisi e con nuovi scenari.
La contrattazione è stata al centro della riflessione del convegno della Uilm che si è svolto il 3 giugno, all’Hotel AC di via Cassala, aperto da una relazione di Piero Imberti e al quale hanno partecipato Giorgio Benvenuto, il presidente del Comitato Inail, Franco Lotito, il segretario regionale della Uil, Walter Galbusera, il responsabile regionale Uil della sicurezza, Claudio Mor e il segretario bresciano della Uilm, Martino Amadio.
Al centro della riflessione di Imberti la coerenza della Uilm, che oggi ripropone, con indubbia attualità, temi come l’arbitrato, la premialità, la sicurezza, la partecipazione che sono stati frutto di una sperimentazione prototipale negli stabilimenti del Gruppo Lucchini negli anni Ottanta, come ha testimoniato anche la presenza di protagonisti come Moreno Morelli (responsabile del personale) e Luciano Consolati (che ha svolto e svolge funzioni arbitrali).
“Negli stabilimenti della Leali di Odolo – ha detto Imberti – abbiamo contrattato 20 turni medi, mentre alla Eredi Gnutti abbiamo rergolamentato lo sciopero durante la colata continua. La logica era la stessa: la salvaguardia e la valorizzazione degli impianti. Alla Lucchini di Lovere abbiamo sperimentato la premialità, coinvolgendo i lavoratori e valorizzando il lavoro, con il risultato che gli scarti in tre anni sono passati dal 22 per cento al due. Negli stabilimenti del Gruppo Lucchini abbiamo sperimentato anche la premialità in relazione alla sicurezza e l’arbitrato. Sono prototipi che valgono ancora oggi. Da qui è scaturita anche l’elezione di Luigi Lucchini alla Confindustria. Non è stato lo Spirito Santo a portalo a Roma, ma quanto è avvenuto nel concreto del confronto. Lucchini, specularmente alla Fiom, in alcuni momenti ha privilegiato la forza, poi, quando ha passato la mano ha detto che lasciava il Gruppo in buone mani. La realtà è che nello stesso giorno in cui veniva presentato un libro dove Lucchini racconta la sua storia, passava di mano anche l’ultimo 20 per cento della Lucchini spa, che ora è tootalmente in possesso di altri. Ugo Calzoni, che è stato il braccio destro di Lucchini negli anni strategici della presidenza dell’Aib e della Confindustria, ha annunciato che scriverà la storia di quegli anni. Attendiamo con interesse il suo libro”.
Imberti, rivendicando la linearità di un percorso storico all’insegna del riformismo, ha detto che la Uilm ha sempre preferito il progetto alla forza, mentre chi, come la Fiom, “ha enfatizzato i rapporti di forza, ha poi, come conseguenza, giustificato la violenza”.
Se gli anni Ottanta sono stati per la Uilm anni di progettualità (accordi alla Leali di Odolo, accordi alla Lucchini), anche la fase odierna vede il sindacato riformista spendersi sul progetto, con gli accordi alla Barattieri, che sperimentano le tecnologie per la sicurezza, come la videosorveglianza, coinvolgendo istituzioni e Università. Alla Barattieri sono state introdotte le telecamere, mentre in quell’accordo e in altri si è anche presa in considerazione, premiandola, la partecipazione dei lavoratori stranieri a corsi di alfabetizzazione. “Così come allora – ha detto imberti – sperimentamo prototipi, in questo caso sulla sicurezza”. E di sicurezza si è parlato a lungo nel convegno della Uilm.
“Il costo degli infortuni sul lavoro vale tanto quanto una manovra finanziaria”, ha detto in proposito Franco Lotito, presidente del Comitato nazionale di indirizzo e di vigilanza dell’Inail e, dal momento che l’ultima manovra consta di ben 24 miliardi di euro, il conto è presto fatto.
Contrattare a livello aziendale una reale applicazione della sicurezza, significa pertanto non solo spostare risorse per finanziare la cultura premiale, ma creare un beneficio all’insieme del Paese.
La contrattazione, per Imberti, deve riportare al centro l’azienda, che si troverà a dover fare i conti sempre più con il parametro costo per unità di prodotto, con l’affidabilità e con la flessibilità. E la contrattazione, ha sottolineato Lotito, “è il carattere fondativo del sindacato”. Rimettere al centro la contrattazione, dunque, significa riprendere l’iniziativa e, in merito alla sicurezza, che diventa un fattore strategico dell’affidabilità delle imprese, Lotito ha detto che l’Inail mette a disposizione risorse per l’innovazione (con l’uso di tecnologie), per la formazione e per l’informazione.
Critico con le associazioni imprenditoriali, definite “casse da morto vuote”, senza alcuna progettualità e senza strategia, Imberti ha rivendicato il tema strategico della formazione come risorsa che viene dai lavoratori e che va riportato, pertanto, in fabbrica. “Lo 0,30 per cento del salario che va ai fondi – ha sottolineato Imberti – non è delle associazioni imprenditoriali e poiché viene dalle aziende e dai lavoratori deve ritornare da dove è venuto”.
“Con Insieme – ha aggiunto Imberti - progetto di formazione della Confindustria, abbiamo fatto 26 corsi su 46 e vogliamo trarre le conclusioni di quella sperimentazione come sindacato, per comunicare correttamente l’esperienza. Anche quelli di Insieme non sono soldi di una parte, ma dei lavoratori e delle aziende”.
Rimettere al centro l’azienda, significa, per Imberti, assumere il criterio della responsabilità, argomento, questo, ribadito anche da Walter Galbusera, che ha sottolineato come il potere debba sempre essere correlato alla responsabilità.
Giorgio Benvenuto ha ricordato, in un intervento dai caratteri di ricostruzione storica, gli avvenimenti degli scorsi decenni, per trarne una lezione d’attualità. Infine Martino Amadio, concludendo, ha ricordato la lunga battaglia della Uilm a difesa di una logica di progettualità e di responsabilità.
Durante il convegno sono stati distribuiti i libri della fondazione Kuliscioff sulle esperienze bresciane legate alla cultura premiale e della Fondazione Buozzi sulla stagione dell’Autunno caldo. Infine, un giornale, “Fabbrica Aperta”, distribuito in sala, ha messo a fuoco esperienze del passato e impegni del futuro, in una serie coordinata di interventi.
Login
Nome Utente

Password



Dimenticata la password?
Richiedine una nuova qui.
Benvenuti nel sito Ufficiale della UILM-Uil Brescia sede provinciale via Rodolfo Vantini n°20 25126
telefono: 030/398250 - fax: 030/300084 e-mail: uilm@uilbrescia.it
Shoutbox
Devi loggarti per scrivere un messaggio

uilmbrescia
04/06/2014 14:46
L’Inps nella circolare n. 67/2014 comunica che i percettori di prestazioni di sostegno al reddito l’integrazione salariale, potranno fruire del bonus previsto dal Dl n. 66 del 24 aprile 2014

uilmbrescia
24/02/2014 13:57
Lavoratori impegnati in attività usuranti Domande entro il 1° marzo....vai su http://www.ital-uil.i/ind
ex.jsp?id=402&dettaglio=7
08


uilmbrescia
24/02/2014 13:55
I lavoratori che hanno svolto attività usuranti e maturano i requisiti per il diritto alla pensione entro il 2014 devono presentare la domanda di riconoscimento dei benefici pensionistici entro 1/03

uilmbrescia
24/09/2013 15:40
il 25/09/13 ultimo giorno utile per presentare le domande relative alla terza salvaguardia a Inpsper i lavoratori cessati con accordi individuali/collettivi di incentivo all’esodo.

uilmbrescia
04/09/2013 15:47
Fiat ha incontrato i Sindacati firmatari del CCSL confermando impegni su siti italiani da subito Mirafiori

uilmbrescia
04/09/2013 15:28
E’ on-line la circolare n.19 del 5 giugno 2013 contenente le istruzioni operative per le Direzioni territoriali del lavoro corredata dal modello di istanza che dovrà essere presentata dai lavoratori.

uilmbrescia
28/08/2013 14:31
VAI SU:http://www.ital-uil.it
/index.jsp?id=402&dettagl
io=594&bnk=nf - Maternità - Obbligo dei medici inviare i certificati all'Inps legge,novità contenute nella legge n. 98/2013



500,235 Visite

Powered by PHP-Fusion copyright © 2003-2006 by Nick Jones.
Released as free software under the terms of the GNU/GPL license.