Home · Chi Siamo · Segreteria/Apparato Uilm · Siti Segnalati · C.S.T. UIL Brescia · FaceBook · Sedi Caf Uil sul territorio · Convenzioni Iscritti UIL · Periodico di informazione Uilm 22 Aprile 2019 22:20
Navigazione
Home

Chi Siamo
Segreteria/Apparato Uilm
Dove Siamo

Valore Lavoro
Lavoro Artigiano

Cerca
News
Archivio
Siti Segnalati
Foto
C.S.T. UIL Brescia
Statuto Uilm
FaceBook
MetaSalute
Fondo Cometa
FondApi
Sedi Caf Uil sul territorio
UILwebTV
Convenzioni Iscritti UIL
Periodico di informazione Uilm
E.L.B.A.
FondArtigianato

Utenti Online
Ospiti Online: 1
Nessun Membro Online

Membri Registrati: 3
Ultimo Membro: segreteria
In evidenza
Fonderie Mora, c'è altra Cigs E rimane il «nodo» esuberi
Comunicati stampadal Bresciaoggi del 28/07/2012

NELLE FABBRICHE. Intesa tra azienda e sindacati di categoria (ma la Fim non firma): ora sarà per riorganizzazione. L'intesa conferma un eccesso strutturale di forza lavoro pari a ottanta su 160 addetti Camozzi: «Stiamo investendo»


Un altro anno di Cassa straordinaria dal prossimo 1 settembre: è quanto prevede l'accordo sottoscritto con i sindacati (non tutti) dalla Fonderie Mora Gavardo spa. Alla newco (derivata dalla Fonderie Mora Gavardo srl, già in affitto nella fabbrica valsabbina), di cui il gruppo Camozzi è il principale azionista, dallo scorso febbraio fa riferimento - dopo l'acquisto dalla procedura - del ramo d'azienda della Fonderie F.lli Mora di Giovanni spa di Gavardo, in liquidazione e concordato preventivo. Un'operazione accompagnata da garanzie «per tutti» gli addetti, partendo dall'iniziale coinvolgimento di 80 dei 163 di allora. IL VERBALE d'intesa porta la firma, oltre che della società, dei rappresentanti di Fiom, Uilm e Fismic, ma non della Fim; contempla l'utilizzo della Cassa per riorganizzazione con anticipo delle spettanze Inps, ma senza integrazioni; la richiesta è avanzata per l'intera forza lavoro, quindi per un massimo di 159 dipendenti (160 con il dirigente): addetti già interessati dal ricorso alla Straordinaria (scade a fine agosto) per crisi con il coinvolgimento medio di circa metà della forza lavoro. Il documento ricorda il piano strategico messo a punto dalla proprietà, con annesso programma di riassetto che guarda al domani. Ma evidenzia anche il permanere del «nodo» rappresentato da «un esubero strutturale quantificabile in circa 80 unità lavorative tra diretti - indiretti e impiegati». Previsto, nel periodo di utilizzo della Cigs, un piano di investimenti quantificato in circa 4 milioni di euro per posizionare la fabbrica - leader internazionale nella produzione di grandi getti in ghisa fino a 120 ton - su quote di mercato importanti. DIVERSE le posizioni tra le organizzazioni di categoria, ma anche tra i firmatari. Ermanno Saiani della Fiom, nella consapevolezza delle difficoltà, esprime soddisfazione per «il risultato ottenuto e aupisca che l'azione delle parti porti a un rilancio dell'impresa». Alessandra Damiani, della segreteria Fim, invece, giustifica la mancata adesione, per la mancanza «di elementi che diano prospettiva occupazionale e di ricollocamento per i lavoratori coinvolti». Ritiene «i contratti di solidarietà lo strumento migliore», prende atto che l'intesa «è sottoscritta dalla maggioranza delle Rsu, come previsto dall'accordo del 28 giugno 2011, senza aver ottenuto il mandato dai dipendenti». Alessandro Conti, leader della Fismic di Brescia, parla «di un percorso sindacale molto difficile e complesso» e di una scelta «senza alternative, considerata una situazione estremamente preoccupante per un esubero strutturale che l'azienda ha dichiarato "insanabile" anche in prospettiva». Per Vittorio Cogno della Uilm l'accordo «è sofferto. In questa fase è prioritario la salvaguardia dell'impianto e dell'occupazione». Lodovico Camozzi, vice presidente e amministratore delegato del gruppo bresciano, spegne l'allarme. «Non c'è un eccesso di addetti ulteriore rispetto a quello già emerso in passato, la situazione è sotto controllo pur in un contesto incerto. Stiamo lavorando e investendo, come annunciato, per dare un futuro alla fabbrica»
Commenti
Non sono stati scritti commenti
Scrivi commento
Prego Loggati per scrivere un commento
Voti
Il Voto è attivo solo per i Membri.

Prego loggati o registrati per votare.

Nessun voto pervenuto
Login
Nome Utente

Password



Dimenticata la password?
Richiedine una nuova qui.
Benvenuti nel sito Ufficiale della UILM-Uil Brescia sede provinciale via Rodolfo Vantini n°20 25126
telefono: 030/398250 - fax: 030/300084 e-mail: uilm@uilbrescia.it
Shoutbox
Devi loggarti per scrivere un messaggio

uilmbrescia
04/06/2014 14:46
L’Inps nella circolare n. 67/2014 comunica che i percettori di prestazioni di sostegno al reddito l’integrazione salariale, potranno fruire del bonus previsto dal Dl n. 66 del 24 aprile 2014

uilmbrescia
24/02/2014 13:57
Lavoratori impegnati in attività usuranti Domande entro il 1° marzo....vai su http://www.ital-uil.i/ind
ex.jsp?id=402&dettaglio=7
08


uilmbrescia
24/02/2014 13:55
I lavoratori che hanno svolto attività usuranti e maturano i requisiti per il diritto alla pensione entro il 2014 devono presentare la domanda di riconoscimento dei benefici pensionistici entro 1/03

uilmbrescia
24/09/2013 15:40
il 25/09/13 ultimo giorno utile per presentare le domande relative alla terza salvaguardia a Inpsper i lavoratori cessati con accordi individuali/collettivi di incentivo all’esodo.

uilmbrescia
04/09/2013 15:47
Fiat ha incontrato i Sindacati firmatari del CCSL confermando impegni su siti italiani da subito Mirafiori

uilmbrescia
04/09/2013 15:28
E’ on-line la circolare n.19 del 5 giugno 2013 contenente le istruzioni operative per le Direzioni territoriali del lavoro corredata dal modello di istanza che dovrà essere presentata dai lavoratori.

uilmbrescia
28/08/2013 14:31
VAI SU:http://www.ital-uil.it
/index.jsp?id=402&dettagl
io=594&bnk=nf - Maternità - Obbligo dei medici inviare i certificati all'Inps legge,novità contenute nella legge n. 98/2013



500,206 Visite

Powered by PHP-Fusion copyright © 2003-2006 by Nick Jones.
Released as free software under the terms of the GNU/GPL license.