Home · Chi Siamo · Segreteria/Apparato Uilm · Siti Segnalati · C.S.T. UIL Brescia · FaceBook · Sedi Caf Uil sul territorio · Convenzioni Iscritti UIL · Periodico di informazione Uilm 22 Aprile 2019 22:25
Navigazione
Home

Chi Siamo
Segreteria/Apparato Uilm
Dove Siamo

Valore Lavoro
Lavoro Artigiano

Cerca
News
Archivio
Siti Segnalati
Foto
C.S.T. UIL Brescia
Statuto Uilm
FaceBook
MetaSalute
Fondo Cometa
FondApi
Sedi Caf Uil sul territorio
UILwebTV
Convenzioni Iscritti UIL
Periodico di informazione Uilm
E.L.B.A.
FondArtigianato

Utenti Online
Ospiti Online: 1
Nessun Membro Online

Membri Registrati: 3
Ultimo Membro: segreteria
In evidenza
COMUNICATO STAMPA: FISMIC – UILM “ RINNOVO CCSL “
Comunicati stampaBS 15/03/2013

Venerdì 8 marzo è stato siglato il rinnovo CCSL Fiat. Come previsto dagli accordi sulla rappresentanza nel Sito Iveco l’ ipotesi di accordo è stata votata ( già mercoledì 13/03 ) dalla RSA che ha evidenziato nessun voto contrario e la maggioranza dei voti favorevoli.
Sono state fatte le assemblee, primi in Italia, con una grande partecipazione sia in Iveco Mezzi Speciali ( fatta il 13/3 - che in Iveco CV fatte oggi 15/3 ).


Riteniamo importante essere riusciti a rinnovare il Contratto che prevede una prima parte economica che deve essere inquadrata in una condizione disastrosa in Italia ed in Europa dell’ auto motive, questo contratto ASSUME UN VALORE ANCOR PIU’ GRANDE.
E stato raggiunta l’ ipotesi d’ accordo per 86.000 lavoratori Fiat per il 2013.
Di questi 86000 dipendenti, circa 25.000 sono dichiarati esuberi ormai da anni, come all’ Iveco Brescia con 800 esuberi strutturali che dovremo andare a salvaguardare nei prossimi mesi cercando di ottenere ulteriori strumenti di copertura per portarci nel 2014

Non ci sono oggi indicazioni di crescita del mercato, un prodotto l’ eurocargo con un mercato italiano e dell’ Europa occidentale che non da segnali di ripresa ed a Brescia dobbiamo creare le condizioni per convincere Fiat a continuare ad investire e magari … nelle aree libere dello stabilimento portare qualche lavorazione di altri stabilimenti nell’ ottica della semplificazione delle strutture industriali.

QUALE ERA L’ ALTERNATIVA ECONOMICA SE NON SI FOSSE TROVATO UN ACCORDO ?

1.Fiat all’ inizio della fase trattante ci ha più volte messo in evidenza che i soldi del premio erano dati con l’ asterisco CON RISERVA, avrebbe potuto quindi decidere di non erogare più 103,3 x 13 mensilità.

2.La seconda Ipotesi certa è che se Fiat avesse deciso comunque di erogarlo unilateralmente, il nuovo decreto 22/01/2013 sulle cifre fisse non sarebbero potute detassate al 10%. Una perdita quindi di circa 300 euro anno di maggiore tassazione.

3.Non si sarebbe ottenuto un incremento paga base ( 480 euro anno )

Il nuovo importo è di euro 120.27 avrà solo circa 12 euro di trattenute che produce 108 euro netto al mese ( equivale su 1760 ore lavorative 1443,24 legato alla presenza )

4.Il vecchio importo era 103,3 x 13 mensilità ( tot. Anno 1342,9 )

QUINDI:

Aver legato il premio alla presenza ha garantito il consolidamento del premio anche in futuro e non più concesso in modo unilaterale " con riserva " e non abbiamo rischiato di perderlo totalmente.

In un quadro di crisi dove in Italia non c’è imprenditore che rischia ad investire, dove le Aziende anche quelle che vanno bene tendono ad andarsene …… Cina, India, Brasile ……

Il nuovo premio di produttività partirà da aprile 2013 mentre i primi 3 mesi del 2013 sono confermati i 103,3 con tassazione al 10%.


AUMENTI IN BUSTA PAGA PER IL PRIMO ANNO DI VIGENZA CONTRATTUALE:


Sono di 40 euro per il 3° gruppo professionale 1^ fascia ( retribuzione media Fiat ) su base annua sono 40 X 12 mensilità = 480 euro , un po' più alto del CCNL di federmeccanica che è pari a:
35 euro X 13 mensilità = 455 euro anno


SANITA' INTEGRATIVA

L' accordo prevede anche l' estensione a tutti i lavoratori anche non iscritti a Fasifiat della sanità integrativa che garantirà benefici con analisi di controllo gratuite specifiche.

Entro il primo semestre le parti si incontreranno per stabilire:

1.I criteri per definire gli aumenti per il 2014 e 2015
2.Verrà definita ed aggiornata la parte normativa rimasta in sospeso
3.I criteri per la negoziazione di secondo livello a livello di società

Una trattativa difficile durata mesi in cui le parti si sono trovate spesso vicino alla rottura, una parte della Direzione FIAT già pensava vantaggioso non chiudere l' accordo ( questo si, vantaggioso per Fiat )

E’ stata confermata nell' accordo la volontà di investimenti per il nostro Paese che riguardano sia Fiat auto che Fiat Indastrial.

Un risultato ottenuto senza scioperi e senza particolari tensioni sociali, segno evidente che la partecipazione paga e la conflittualità non paga più da tempo.


E’ doveroso ricordare che si tratta di un Contratto nazionale e quindi già a partire dai prossimi mesi apriamo il confronto con le singole società del Gruppo per mettere le basi dei contratti di secondo livello.
Non sarà una trattativa semplice come quella appena trascorsa, il nostro obiettivo deve essere quello di ridistribuire redditività senza scioperi e senza particolari tensioni sociali.

Inoltre su Iveco Brescia incombe un problema occupazionale pesantissimo.

Nei prossimi mesi sarà doveroso da parte nostra intavolare una nuova discussione con i vertici Aziendali, perché non sarà semplice ne scontato il proseguo della CDS per il terzo anno.

Non ci sono oggi indicazioni di crescita del mercato, un prodotto l’ eurocargo DI ECCELLENZA con un mercato italiano e dell’ Europa occidentale che però non da segnali di ripresa ed a Brescia dobbiamo creare le condizioni per convincere Fiat a continuare ad investire e magari … nelle aree libere dello stabilimento portare qualche lavorazione nell’ ottica di ottimizzazione delle produzioni.


Nostro obiettivo primo sarà sia in Iveco cv che in Iveco Mezzi Speciali di evitare come accade ormai troppo spesso sul territorio bresciano chiusure di aziende, …evitando una seconda Mac.


Commenti
Non sono stati scritti commenti
Scrivi commento
Prego Loggati per scrivere un commento
Voti
Il Voto è attivo solo per i Membri.

Prego loggati o registrati per votare.

Nessun voto pervenuto
Login
Nome Utente

Password



Dimenticata la password?
Richiedine una nuova qui.
Benvenuti nel sito Ufficiale della UILM-Uil Brescia sede provinciale via Rodolfo Vantini n°20 25126
telefono: 030/398250 - fax: 030/300084 e-mail: uilm@uilbrescia.it
Shoutbox
Devi loggarti per scrivere un messaggio

uilmbrescia
04/06/2014 14:46
L’Inps nella circolare n. 67/2014 comunica che i percettori di prestazioni di sostegno al reddito l’integrazione salariale, potranno fruire del bonus previsto dal Dl n. 66 del 24 aprile 2014

uilmbrescia
24/02/2014 13:57
Lavoratori impegnati in attività usuranti Domande entro il 1° marzo....vai su http://www.ital-uil.i/ind
ex.jsp?id=402&dettaglio=7
08


uilmbrescia
24/02/2014 13:55
I lavoratori che hanno svolto attività usuranti e maturano i requisiti per il diritto alla pensione entro il 2014 devono presentare la domanda di riconoscimento dei benefici pensionistici entro 1/03

uilmbrescia
24/09/2013 15:40
il 25/09/13 ultimo giorno utile per presentare le domande relative alla terza salvaguardia a Inpsper i lavoratori cessati con accordi individuali/collettivi di incentivo all’esodo.

uilmbrescia
04/09/2013 15:47
Fiat ha incontrato i Sindacati firmatari del CCSL confermando impegni su siti italiani da subito Mirafiori

uilmbrescia
04/09/2013 15:28
E’ on-line la circolare n.19 del 5 giugno 2013 contenente le istruzioni operative per le Direzioni territoriali del lavoro corredata dal modello di istanza che dovrà essere presentata dai lavoratori.

uilmbrescia
28/08/2013 14:31
VAI SU:http://www.ital-uil.it
/index.jsp?id=402&dettagl
io=594&bnk=nf - Maternità - Obbligo dei medici inviare i certificati all'Inps legge,novità contenute nella legge n. 98/2013



500,212 Visite

Powered by PHP-Fusion copyright © 2003-2006 by Nick Jones.
Released as free software under the terms of the GNU/GPL license.